Progetto

OLIO DI FAMIGLIAolio-di-famiglia-2017-2018

 


PROGETTO

Il concorso è rivolto alle famiglie e a tutti i cittadini   che producono dell’olio extravergine di oliva nei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo e che svolgono una attività diversa da quella dell’agricoltore.
 La manifestazione ha l’obiettivo di  valorizzare la produzione dell’olio extravergine di oliva nelle piccole produzioni   agricole  familiari.
Il modello di agricoltura familiare è un sistema di produzione agricolo centrato sul lavoro e sulle capacità dei nuclei familiari che vivono e lavorano la terra. Questo modello, meglio di altri, può scegliere di assicurare un uso sostenibile delle risorse e delle energie e di promuovere un’agricoltura e un’alimentazione legate alle specificità e alle varietà dei territori.
Il 70% circa (dati da ultimo censimento) delle superfici coltivate e delle produzioni  agricole  in Italia sono da agricoltura famigliare.
All’interno dell’agricoltura familiare italiana abbiamo le produzioni olivicole da agricoltori dilettanti che per piacere e passione coltivano piante di olivo; l’olio extravergine di oliva prodotto dagli agricoltori famigliari rappresenta una  forma di autoproduzione a finalità prevalente o esclusiva di autoconsumo.
Da queste sintetiche considerazioni  gli agricoltori  e  le loro famiglie  svolgono di fatto un importante ruolo economico, sociale e ambientale, da qui la volontà di accendere una luce su questo spaccato olivicolo produttivo.
L’obiettivo oltre a classificare il miglior olio extravergine attraverso una classifica è quello di dare una serie di informazioni utili all’olivicoltore  al fine di  migliorare il proprio olio e rendere più proficuo il proprio lavoro.
Gli oli che parteciperanno al concorso saranno valutati da una commissione di esperti,  i quali  si avvarranno  di  analisi chimiche dalla Chemiservice.  Le analisi organolettiche  saranno eseguite dagli assaggiatori del progetto Olio Responsabile.  Olio Responsabile Talenti del Gusto è formato  da giovani pugliesi affetti da disabilità visiva.

 

CHI SIAMO

l concorso  Olio di Famiglia oli preziosi da olivicoltori dilettanti nasce con la prima edizione nel 2011 da un’ idea di Mimmo Lavacca dell’Associazione Terrasud.

La manifestazione è realizzata da:
Associazione Terrasud di Monopoli
Chemiservice di Monopoli
COPAGRI Puglia
partner :
Assessorato all’Agricoltura del Comune di Monopoli
Olio Officina Festival di Milano;
Olio Responsabile Talenti del Gusto di Bari

Azienda Agricola delle Sorelle Barnaba di Monopoli

News

  • fao
  • Festa di fine concorso e vincitore 2016
  • Festa di fine concorso e vincitore 2017
fao

fao

La FAO è Partner "Oliodifamiglia 2015"
Festa di fine concorso e vincitore 2016

Festa di fine concorso e vincitore 2016

Una bella e partecipata serata quella che si è svolta sabato 11 giugno presso la Masseria Lama dei...
Festa di fine concorso e vincitore 2017

Festa di fine concorso e vincitore 2017

Una bella e partecipata serata quella che si è svolta sabato 24 giugno presso la Masseria Sorelle ...
Previous
Next

Eventi in programma

FAO News

RSS Sala stampa

Notizie dall'Organizzazione dell'ONU per l'Alimentazione e l'Agricoltura

olioofficina

OlioOfficina Magazine

Osservatorio sul mondo dell'olio da olive e delle realtà affini
  • Un quesito che di recente trova grande interesse nel settore alimentare, riguarda l'attribuzione di responsabilità nei casi in cui in un supermercato ci si imbatte in prodotti in cattivo stato di conservazione, alterati o scaduti. Le considerazioni del Centro Studi Diritto Alimentare-Food Law 

  • Oltre il limite del ridicolo. A seguito dell'increscioso e inopportuno articolo di Pietro Perrino intorno alla Xylella fastidiosa, pubblicato sulle pagine de Il Fatto Quotidiano, rilanciamo, a beneficio di coloro che si sentono disturbati da tanta disinformazione, la lettera che due prestigiose realtà del mondo scientifico, la Società Italiana di Biologia Vegetale e la Società Italiana di Genetica Agraria hanno indirizzato a Marco Travaglio. "Siamo preoccupati dal triste proliferare di teorie antiscientifiche", si legge nel documento

  • Un seminario, martedì 26 giugno, alle ore 9, presso la sede dell’Accademia, intorno alle opere di Marco Pozzoli, agronomo e architetto paesaggista fiorentino